La scelta perfetta non esiste. Ascoltati e risolverai i dubbi

Quante volte ci capita di dire: “Non ho proprio cosa mettermi oggi”? Davvero tante, e la risposta tarda sempre ad arrivare tanto che spesso la decisione si prende distrattamente, spinte dalla fretta o dall’umore del momento. Anche per fare una scelta che è così semplice, nel nostro cervello si mettono in funzione una serie di meccanismi psicologici, legati a esperienze passate o a condizionamenti esterni, che ci impediscono di essere sicuri e lucidi. Per fare piccole scelte bisogna ricorrere alle cosiddette strategie euristiche, una sorta di scorciatoie mentali che ci consentono di non inciampare in strani fraintendimenti. Ma come fare nel concreto? Queste facoltà ereditate dai nostri avi, consistono nel semplificare la scelta restringendola a due opzioni e prediligendo quello più “familiare”. Ad esempio, quando facciamo la spesa e siamo indecise, tra due prodotti, decidiamo per quello che abbiamo già visto a casa di un familiare o in una nota campagna pubblicitaria.

In altri casi come quando bisogna scegliere il mezzo di trasporto da prendere per raggiungere una meta specifica e insolita, ci si può indirizzare verso la decisione apparentemente più razionale, che in realtà è molto emotiva poichè legata all’immagine che la memoria conserva di essa: l’aereo rispetto al treno, è percepito in genere come più pericoloso e per questo, un pò per istinto, un pò per consapevolezza, si tende a rivolgersi al secondo.

Tutto questo non accade quando bisogna prendere decisioni serie, che necessitano di maggior riflessione e raziocinio. Scelte possono determinare errori di valutazione e che, per questo, non devono essere spinte dall’emotività e dall’istinto. La stretegia ideale suggerisce di decidere in maniera ponderata evitando scorciatoie mentali, più adatte per risolvere piccoli dilemmi quotidiani. Prima di agire secondo gli psicologi, bisogna ascoltarsi e ragionare con calma, valutando i vantaggi e gli svantaggi, che quel tipo di strada una volta imboccata prevede. Se lo riteniamo opportunio per facilitare le cose, è possibile compilare una lista dei pro e dei contro, benchè tutto è contingente: non c’è una scelta impeccabile che non determina mai conseguenze, anche perchè molto dipende anche dal periodo della vita in cui si prende. e condizioni e il contesto fanno la loro parte: in alcuni momenti una decisione ci può costare molto di più rispetto ad altri a noi, più favorevoli.

 

Potresti leggere anche :

    Figli e scelta del nome: tendenze e consigli Figli e scelta del nome: tendenze e consigli
    Si sceglie spesso seguendo le ultime tendenze o traendo ispirazione dalle idee singolari di molte dive nostrane o internazionali. Parliamo dei nomi che i genitori scelgono per i loro figli e... 
    Allergie: esiste anche quella al sole Allergie: esiste anche quella al sole
    Quando la pelle è arrossata e irritata in seguito a una prolungata esposizione al sole, non è detto che siamo di fronte a delle semplici scottature. Spesso macchie rosse accompagnate da forte... 
    Il buon partito? Non esiste più! Il buon partito? Non esiste più!
    Un uomo determinato, con una buona dote, sicuro di sè e affidabile. Stando a delle recenti indagini condotte da sociologi americani, pare che un uomo di questo tipo sia diventato un esemplare... 
    La depressione infantile: il “vaccino” esiste La depressione infantile: il “vaccino” esiste
    Così come accade per gli adulti, anche nei bambini un atteggiamento scoraggiato e rassegnato verso gli eventi negativi della vita, può determinare la depressione infantile. Secondo alcuni... 
    Labbra al top: la scelta del rossetto Labbra al top: la scelta del rossetto
    Come lo sguardo, anche le labbra sono un’arma di seduzione. Ecco perchè vanno sempre curate e truccate nel modo adeguato. Nel nostro beauty non deve quindi mai mancare il rossetto e il... 

Copyright © 2014 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica