Giovani, casting e mondo dello spettacolo: attenzione ai furbi

Il mondo affascinante e patinato dello spettacolo, continua a rappresentare un forte richiamo per giovani di belle speranze, che vogliono diventare i nuovi presentatori e/o show girl di domani. Soprattutto in tempi di crisi, sono sempre più numerosi i giovanissimi che sognano di realizzare il loro sogno dorato, ma sono molto pochi quelli che ci riescono. Basta ricordare il vecchio film di Muccino “Ricordati di Me”, e in particolare la scena interpretata da Nicoletta Romanoff, che vestiva i panni di Valentina giovane alle prese con un provino per diventare ballerina. Una scena sempre verde che ci ricorda che sono sempre tantissimi i ragazzi di belle sembianze e di belle speranze, che si mettono in gioco per diventare famosi. Eppure sia i quotidiani che i telegiornali, ma soprattutto i ravveduti genitori, le escogitano tutte per dissuadere i loro figli dai rischi che può celare il mondo delle agenzie pubblicitarie e di certi fantomatici casting.

Nonostante i numerosi casi rilevati dal garante del mercato, grazie al quale sono stati smascherati molti falsi imprenditori dello spettacolo, la fiducia dei ragazzi è ancora intatta. Di recente anche negli Stati Uniti, arrivano le immagini relative ad un casting che hanno dell’inverosimile: giovani che sono in fila da due giorni, che piangono, gridano e si strattonano fino a star male. Tanto che sono 6 le ragazze finite al pronto soccorso. E per cosa? Entrare nel cast di un programma che sforna modelle!

In alcuni casi nel nostro paese società fittizie sono state multate proprio per aver pubblicato sui giornali o in internet, annunci fasulli, in cui si promettevano selezioni e provini, per concorsi di bellezza o sfilate, ma che in realtà celavano l’ennesimo tentativo di vendere pseudo corsi di portamento o di recitazione, a prezzi non inferiori ai seimila euro. In Italia il giro d’affari è pari a circa 10 milioni di euro: agenti o imprenditori, che in realtà non hanno alcun titolo specifico e che non hanno mai lievitato intorno al mondo dello showbiz, che chiedono fior di quattrini per book fotografici, lezioni di canto, di ballo o di portamento, ma anche quote di iscrizione che possono arrivare ai 10mila euro.

Ma come riconoscere gli imbroglioni? Per capire se di fronte vi siete ritrovate il solito sanguisuga basta appurare una serie di elementi: 1) diffidate dagli annunci che trovate sul web, facile specchietto per le allodole per molte giovanissime; 2) chiedete sempre le credenziali e i titoli, da verificare concretamente con ricerche sul campo, di chi vi offre un casting o un lavoro nel mondo dello spettacolo; 3) diffidate da chi vi chiede denaro. In realtà gli agenti onesti non chiedono neanche la quota di iscrizione ma solo le percentuali in base ai lavori effettuati. L’antitrust invita a denunciare anche a costo di apparire come degli ingenui e sprovveduti.

 

Potresti leggere anche :

    Giovani e disoccupati? Fate gli artigiani Giovani e disoccupati? Fate gli artigiani
    Sarto, ceramista, maglierista, intagliatore del legno, tappezziere, pellettiere. Una parola che definisce proprio tutti: artigiano. Un mestiere fra i più antichi del mondo che di recente è... 
    Torte show: quando il cibo è spettacolo Torte show: quando il cibo è spettacolo
    Torte imponenti, decorate come sculture dallo stile sorprendente. Sono veri e propri capolavori del cake-design, un’arte che sta impazzando coinvolgendo anche le giovanissime che con la... 
    L’innamoramento? Non è solo per i giovani L’innamoramento? Non è solo per i giovani
    Imprevedibile, inaspettato, incontrollato. Tanti sono i termini con cui si descrive l’innamoramento. Spesso però si crede erroneamente che sia una prerogativa destinata solo ai giovani,... 

Copyright © 2014 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica