Second Hand: occhio ai mercatini del riciclo

Rappresenta la nuova frontiera del riciclo, un laboratorio del risparmio dove ridare vita a materiali dismessi cedendo il superfluo che può diventare utile per qualcun’altro. Comprare senza sborsare neanche un euro, è questa la filosofia che ispira i mercatini del “Second Hand”, che si sta svolgendo in questi giorni a Bolzano. Sono numerosi i commessi volontari che offrono il loro servizio a titolo gratuito, e tra loro ci sono anche tanti appassionati di artigianato e riciclo, che offrono ai clienti gli oggetti realizzati grazie alla reinterpretazione di oggetti e materiali che altrimenti sarebbero finiti nella pattumiera.

E in tempi di crisi, in un mondo che consuma a ritmi frenetici senza alcun scrupolo, potrebbe rivelarsi utile curiosare tra gli scaffali dove si trova davvero di tutto: dall’abbigliamento, ai libri fino a oggetti di arredamento che contemplano l’eco-design. Sarà molto interessante ed educativo anche per i bambini, osservare come è possibile ricavare uno snowboard da una panchina oppure un portasci da avanzi ferrosi. Basta semplicemente cedere un articolo che non ci serve più e ritirarne un altro a nostro piacimento e a costo zero.

E che dire della grande possibilità che si offre a chi non può permettersi di acquistare dei libri nuovi? Tra gli stand c’è un’area dedicata al free-shop dei libri, compresi i testi scolastici. E’ possibile portare a casa sino a 5 testi, iniziativa molto apprezzata specialmente dagli studenti che si sono mostrati interessati in particolar modo ai dizionari.
C’è chi sceglie di dare solo un contributo simbolico così con un solo euro si può portar via anche un seggiolino da auto per neonati o un centrotavola in legno progettato da un’artista del Marocco con materiali di recupero.

Per chi non può presentarsi nelle varie piazze di Bolzano, è anche previsto un servizio di consegna a domicilio che è ovviamente gratuito.

Potresti leggere anche :

    Cercare lavoro: occhio alla reputazione online Cercare lavoro: occhio alla reputazione online
    Provate a googlare il vostro nome. Cosa ne esce? A parte una serie di persone che non hanno niente a che vedere con voi (notato quanti omonimi ci sono?), c’è il link a Twitter, a uno... 

Copyright © 2013 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica