Allergie: esiste anche quella al sole

Quando la pelle è arrossata e irritata in seguito a una prolungata esposizione al sole, non è detto che siamo di fronte a delle semplici scottature. Spesso macchie rosse accompagnate da forte prurito che si ripetono nel tempo, e fanno fatica ad attenuarsi, possono celare un’allergia al sole. In genere infatti l’eritema ha vita breve: basta applicare delle creme lenitive per sparire dopo qualche ora. Reazioni fototossiche o fotoallergiche, possono invece rivelarsi molto più proccupanti tanto a spingerci a dire addio alla prova costume e alle gite in barca.

In questi casi la prima cosa da fare resta quella di rivolgersi al dermatologo. In estate, tempo di vacanze e divertimento, oltre a far fronte ai pericoli legati alla tintarella, bisogna stare anche attenti alle sostanze che circolano nell’aria. I dermatologi consigliano di applicare sempre la lozione protettiva, in maniera costante e ripetuta nel tempo poichè dopo 2-3 l’unguento si dispede e va nuovamente applicato.

Presenti nell’atmosfera anche durante i mesi caldi, le composite sono dei pollini che non erano presenti in Italia fino a qualche anno fa. Da quando cioè sono state importate dagli Stati uniti. In questi casi, se si è allergici, bisognerebbe stare lontani da parchi e giardini o almeno restringere il più possibile la permanenza in questi luoghi, dove si concentrano in percentuale maggiore.

Api, vespe e calabroni possono poi generare reazioni molto importanti fino ad arrivare allo shock anafilattico, che è causa di morte. Nel nostro paese si registrano 10 casi di decessi, legati a questa gravissima forma di reazione allergica. La prima cosa da fare se si hnno i sintomi legati allo shock anafilattico, è quella di recarsi al pronto soccorso e se si è già consapevoli di essere dei soggetti allergici, bisogna portare sempre con sè cortisone e adrenalina da autosomministrare rapidamente, prima che la situazione peggiori.

Ecco i consigli degli esperti per evitare i pericoli legati alle allergie alimentari e non:

- Non bere da lattine aperte. Le linguette di latta sono un grande ricettacolo di agenti patogeni;
- Non camminare scalzi soprattutto al mare o in piscina;
- Mangiare il pesce sempre cotto;
- Proteggersi sempre dal sole e non solo al mare ma anche in città.

Potresti leggere anche :

    La scelta perfetta non esiste. Ascoltati e risolverai i dubbi La scelta perfetta non esiste. Ascoltati e risolverai i dubbi
    Quante volte ci capita di dire: “Non ho proprio cosa mettermi oggi”? Davvero tante, e la risposta tarda sempre ad arrivare tanto che spesso la decisione si prende distrattamente,... 
    Il buon partito? Non esiste più! Il buon partito? Non esiste più!
    Un uomo determinato, con una buona dote, sicuro di sè e affidabile. Stando a delle recenti indagini condotte da sociologi americani, pare che un uomo di questo tipo sia diventato un esemplare... 
    Siete a rischio allergie? Scopriamolo insieme Siete a rischio allergie? Scopriamolo insieme
    La diffusione delle malattie allergiche è così ampia da rappresentare un vero e proprio fenomeno sociale. Il 30% della popolazione europea è soggetto ad allergia e si stima che entro il 2020... 
    La depressione infantile: il “vaccino” esiste La depressione infantile: il “vaccino” esiste
    Così come accade per gli adulti, anche nei bambini un atteggiamento scoraggiato e rassegnato verso gli eventi negativi della vita, può determinare la depressione infantile. Secondo alcuni... 
    Colpi di sole e Meches sono due cose diverse Colpi di sole e Meches sono due cose diverse
    Non tutte lo sanno ma “colpi di sole” e ” meches ” sono due termini usati per descrivere due cose completamente diverse anche se con finalità pressochè identiche : entrambi... 

Copyright © 2013 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica