Buonanotte da favola…ai nostri bambini

Il bicchiere di latte caldo o la favola della buonanotte che doveva leggerci mamma o papà. E’ impossibile non ricordare con tenerezza i momenti più dolci che hanno caratterizzato la nostra infanzia. Quello della nanna rappresentava un vero e proprio rituale che spesso oggi, è considerato irrilevante. Soprattutto grazie al vasto repertorio tecnologico, che ha preso decisamente il posto della classica storia che la mamma ci raccontava prima di andare a letto. Quanti bambini preferiscono attualmente passare le serate davanti al computer invece di ascoltare sotto il tepore delle coperte, la voce tenera della propria madre?

Sempre di più purtroppo. Eppure una volta c’era chi una volta, minacciava di non addormentarsi se prima non riceveva il doppio bacio dei genitori o se per l’ennesima volta, non si sentiva leggere la favola di Cenerentola. Diversi erano i modi per addormentarsi, ma un elemento li accomunva: l’amore con cui il papà e la mamma riuscivano ad accompagnare i sogni dei piccini. Ogni sera si riusciva a ritagliare un piccolo spazio temporale, da dedicare esclusivamente ai bambini e alla loro immaginazione.

E quando si era raffrteddati le coccole erano raddoppiate, e uno dei due interveniva realizzando il tradizionale massaggio sul petto, con l’unguento “magico”, quello dal profumo aromatico che riusciva a conciliare finalmente il sonno. E allora perchè non recuperare le vecchie tradizioni, e regalare ai nostri figli quei ricordi intensi, che le vecchie generazioni custodiscono con affetto ancora oggi? Ecco qualche consiglio per realizzare i gesti giusti, e permettere ai nostri figli di addormentarsi in fretta regalando loro momenti teneri e magici.

Prima di tutto, rovistate in soffitta e recuperate i vostri vecchi libri di favole che faranno bene a voi e a loro. Come? Ritrovarveli tra le mani vi riporteranno indietro nel tempo, facendovi rivivere momenti indimenticabili e sarà ancora più piacevole, ripetere il rituale con i vostri figli. Se preferite, potete scovare sul web storie e racconti, di ogni genere, da quelli classici a quelli più recenti, su siti che si occupano solo di questo tema specifico.

Oppure è possibile scaricare applicazioni per smartphone, che ci consentono di raccontare ogni giorno una favola nuova al nostro piccolo. Potete anche accompagnare la lettura mettendo sù una musica particolare, spulciando dal repertorio classico. Infine, è fondamentale spegnere la tv, che distoglie l’attenzione da gesti molto più importanti e per facilitare la concentrazione, mettete tra le braccia del vostro piccolo, il suo peluche preferito. Vedrete, che il riposo sarà immediato, e anche noi potremo concludere la giornata in serenità.

Potresti leggere anche :

    Bambini e pappa: trucchi anti-capriccio Bambini e pappa: trucchi anti-capriccio
    Ogni mamma per vivere con serenità questo momento magico della vita, vorrebbe essere in grado di dire: “Il mio piccolo è un tesoro, dorme e mangia senza problemi”. Questo perchè... 
    Stitichezza nei bambini: consigli Stitichezza nei bambini: consigli
    La stitichezza è un’alterazione della funzionalità intestinale causata principalmente da un’errata alimentazione. La stipsi è favorita da una dieta eccessivamente proteica e carente... 
    La colazione dei bambini La colazione dei bambini
    La prima colazione è fondamentale per assicurasi una dieta ricca ed equilibrata. Essa consente all’organismo di fornire la giusta quantità di energia, utile per svolgere, con attenzione... 
    L’alimentazione per i bambini sportivi L’alimentazione per i bambini sportivi
    Curare l’alimentazione dei figli, soprattutto quando svolgono un’attività fisica costante, è fondamentale per evitare carenze nutrizionali e incoraggiarne la crescita. I bambini... 
    Bambini obesi : rischi , prevenzione e cure Bambini obesi : rischi , prevenzione e cure
    Il problema dell’ obesità ormai è stata definita come una nuova “epidemia” visto che, secondo i calcoli del European Health report, ad esserne afflitti sono oltre 300 milioni... 

Copyright © 2013 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica