Incidenti in casa: come salvare i bambini

Dovrebbe essere il nido della sicurezza e invece spesso la casa può celare pericoli anche per i bambini. Soprattutto quando sono molto piccoli, è bene adottare una serie di accorgimenti per mettere in sicurezza l’abitazione ed evitare spiacevoli incidenti domestici. In Italia ogni anno sono 3 milioni gli incidenti che colpiscono adulti e bambini in casa, e di questi ben 1 milione e 700 riguardano proprio i più piccoli. Il 18% ha un’età inferiore ai 5 anni; la maggior parte riguarda cadute o ferite e il resto urti o schiacciamenti.

Quando arrivano in ospedale, il 15% è codice rosso o giallo: più del 50% di essi viene subito curato proprio perchè la struttra dà ai più piccoli la precedenza. In sintesi, quelli più a rischio sono i bambini che hanno un’età compresa tra l’1 e i 4 anni.
Ma dove avvengono in genere questi incidenti? Per il 23% dei casi accade in camera da letto, dove i piccoli possono urtare contro mobili o giocare ingerendo parti molto piccole.

La prima cosa da fare è coprire le prese, montare mensole alte e comprare mobili che non presentino spigoli molto evidenti ma anche assicurarsi che i giocattoli dati ai propri figli non presentino parti eccessivamente piccoli, tali da poter essere ingerite. Il 23% degli incidenti domestici avviene poi in soggiorno, una zona che per molte famiglie è un pò off limits, perchè le mamme spesso proibiscono ai piccoli di entrarvi per non generare confusione o almeno, impongono loro regole ancora più ferree. Per mettere in sicurezza il soggiorno bisogna assicurarsi che le lampade abbiano una certa stabilità e che, anche in tal caso, i cavi siano nascosti e che i mobili non risultino troppo spigolosi.

Anche la cucina può nascondere qualche insidia e infatti il 15% degli incidenti avviene proprio qui. Nascondiamo lame, coltelli e forbici e tiriamoli fori solo quando si cucina e i bambini sono lontani, utilizziamo cassetti che non si estraggono completamente, usiamo i fermi alle porte e facciamo costruire se è presente in casa, un cancello all’inizio della scala. Possiamo anche farci montare un cassetto appositamente pensato per il nostro piccolo, più basso che contenga le merendine e i giochi che lui preferisce, in modo tale che la sua curiosità sia soddisfata e che non cerchi altrove il diversivo.

Il bagno è invece, stando a questa indagine statistica, il luogo in cui avvengono meno incidenti ma anche questo locale va messo in sicurezza utilizzando paraurti da rubinetto e copri prese ma anche nascondendo i detersivi e i farmaci in mobili molto alti, inaccessibili ai bimbi.

Potresti leggere anche :

    Aggressività nei bambini: come e perchè nasce Aggressività nei bambini: come e perchè nasce
    Episodi di violenza e di bullismo nelle scuole sono sempre più frequenti tanto da far scattare una vera e propria emergenza. Il problema dell’aggressività ha sollecitato la ricerca scientifica... 
    Casa: come difendersi dalle allergie Casa: come difendersi dalle allergie
    Le allergie sono una vera e propria patologia: a soffrirne è il 30% della popolazione europea, percentuale che -secondo le previsioni dell’European Academy of Allergy and Clinical Immunology... 
    Stitichezza nei bambini: consigli Stitichezza nei bambini: consigli
    La stitichezza è un’alterazione della funzionalità intestinale causata principalmente da un’errata alimentazione. La stipsi è favorita da una dieta eccessivamente proteica e carente... 
    La colazione dei bambini La colazione dei bambini
    La prima colazione è fondamentale per assicurasi una dieta ricca ed equilibrata. Essa consente all’organismo di fornire la giusta quantità di energia, utile per svolgere, con attenzione... 
    Bambini obesi : rischi , prevenzione e cure Bambini obesi : rischi , prevenzione e cure
    Il problema dell’ obesità ormai è stata definita come una nuova “epidemia” visto che, secondo i calcoli del European Health report, ad esserne afflitti sono oltre 300 milioni... 

Copyright © 2013 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica