Amore ostile: sequestro emotivo e violenza

I sentimenti di collera e la percezione di abbandono, sono tra le cause principali della crisi di un matrimonio. Quando il partner si sente perennemente attaccato e offeso e ha la sensazione di essere rifutato o comunque considerato come un ostacolo, alla propria realizzazione, si può scatenare un processo che alcuni psicologi definiscono “sequestro emozionale”, ovvero una risposta comportamentale inadeguata, perchè caratterizzata da aggressività e violenza. E’ quella che rende, per intenderci un marito violento, che è completamente travolto dal risentimento, spesso ingiustificato, fino ad avere reazioni che gli sfuggono dal controllo.

Si tratta di individui che tendono a distorcere ogni affermazione, che percepiscono ogni parola come un presunto o sostanziale affronto e che per questo, non riescono a reagire con raziocinio e lucidità. In genere, il sequestro emozionale tende ad essere più volte replicato nel tempo autoperpetuandosi. Questa “piena” emotiva, determina un aumento del battito cardiaco, che supera nettamente quella a riposo, i muscoli sono tesissimi, l’adrenalina viene prodotta in maniera consistente e lo stato d’animo, agitato e ansioso, si prolunga nel tempo.

Anche la respirazione può incontrare difficoltà e il soggetto prova sensazioni così forti e intense, che è difficile anche solo ascoltare le prime parole di reazione dell’interlocutore. E’ proprio questo stato d’animo che spinge l’individuo a giustificarsi, e a ritenere la sua posizione congrua alla situazione. In un rapporto di coppia dunque, i problemi gravi, che sfociano spesso in aggressività e violenza, iniziano quando uno dei due registra questa sorta di “piena emotiva”.

Se è la parte maschile a trovarsi in questa condizione, anche una frase gentile può scatenare, nel corso del tempo, reazioni spropositate: il soggetto è sempre vigile e sulla difensiva, aspettandosi da un momento all’altro, una presunta offesa o un tentativo di abbandono dall’altro, al quale è capace di reagire in maniera nefasta. Questi individui non hanno competenze nella sfera emotiva e non riescono a sviluppare ematia e autocontrollo: non sono in grado cioè di mettersi nei panni altrui e di percepire i danni che stanno facendo oltre a non riuscire a domare i propri istinti distruttivi.

E gli episodi di cronaca che si sono registrati negli ultimi anni nel nostro Paese ne sono una prova tangibile. Si parla di femminicidio, e della possibilità di istituire leggi che proteggano di più le donne, dalle reazioni spropositate e dalla violenza di mariti/fidanzati o padri che le considerano dei semplici oggetti, su cui sfogare i loro carico emozionale violento e nefasto.

Anche quando non si arriva alla violenza fisica, una coppia che entra in questo circolo vizioso, vive in un incubo perfetto; l’ostruzionismo, la derisione, o presunta tale, la critica e il disprezzo, determinano continue tensioni che a lungo andare incancreniscono, deteriorando sempre di più un legame che forse, traballava già in tempi non sospetti. Scappare e/o denunciare, non è semplice, ma restano le soluzioni più fattibile, se si vogliono evitare spiacevoli conseguenze.

Potresti leggere anche :

    La violenza è ereditaria. Dire basta si può La violenza è ereditaria. Dire basta si può
    L’aggressività è un pò come un tratto del viso o una caratteristica del corpo. Si può trasmettere da una generazione all’altra proprio come se fosse un carattere ereditario.... 
    Il termometro emotivo e i suoi limiti Il termometro emotivo e i suoi limiti
    Nel mondo dei sentimenti c’è chi necessità di forti emozioni per dirsi soddisfatto in pieno. E voi penserete che è normale e che provare dei sentimenti intensi e appaganti vuol dire... 
    Genitori e sentimenti: amore latino e amore glaciale Genitori e sentimenti: amore latino e amore glaciale
    Spesso è analizzando la persona di chi ci si innamora che è possibile stabilire le nostre radici, quelli che hanno condizionato il nostro processo di maturazione. L’amore latino, quello... 
    Amore e coppia: i genitori e il loro ruolo Amore e coppia: i genitori e il loro ruolo
    Parlare d’amore per molti equivale a catalogarlo secondo schemi ideali piuttosto semplicistici. Capita spesso che i genitori cerchino di intervenire senza discrezione, esprimendo giudizi... 
    In amore sai riconoscere se è la persona giusta per te? In amore sai riconoscere se è la persona giusta per te?
    Soprattutto nella prima fase di innamoramento si hanno molte certezze, tante, forse troppe. Con il passare del tempo mentre il rapporto di coppia si consolida, sorgono domande e dubbi se il nostro... 

Copyright © 2012 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica