Dieta Vegan: vantaggi e nostalgia della fettina

Nei menù vegani non c’è posto per bistecche e fettine: è l’esclusione più classica e quella che più simboleggia la decisione di nutrirsi in modo “cruelty free”. Ma il modo di sostituire la carne è semplice. “In uno stile alimentare di questo tipo, per variare l’alimentazione è importante provare anche hamburger o cotolette di soia o di seitan ricavato da grano o farro. Il sapore è buono e si trovano nella grande distribuzione. Budini e gelati di soia danno poi la possibilità anche di un dessert senza latte e uova”, suggerisce l’esperta di Scienze dell’alimentazione Michela Barichella.

Chi diventa vegano cerca anche un’alimentazione più semplice rispetto a quella sofisticata ed elaborata a cui tutti siamo abituati oggi. I metodi di cottura per essere coerenti devono essere poco calorici e non pesanti: meglio cuocere al vapore oppure al forno. Il condimento ideale è l’olio d’oliva, il più sano”, sottolinea la dottoressa Barichella. Per avere il giusto apporto calorico ci si può concedere spuntini a base di frutta anche con bruschette al pomodoro oppure anche pane e marmellata senza zucchero aggiunto.

Le donne giovani devono stare attente alle carenze di ferro, pericolose per via della perdita di sangue delle mestruazioni e all’assunzione di calcio nelle giuste quantità, per evitare problemi alle ossa. Per assumere ferro dalle verdure bisogna sempre associarlo alla vitamina C che ne facilita l’assorbimento: l’insalata quindi va bene, però deve essere condita con succo di limone. Il calcio invece, non mangiando latte e formaggio, oltre che dai vegetali a foglia verde come broccoli, cavoli, bietole si può ricavare dalle acquae ricche di calcio: sono consigliati 1,5-2 litri al giorno.

I vantaggi
Il consumo eccessivo di proteine di origine animale è messo sotto accusa da molte ricerche. Quando si esagera con alimenti proteici, soprattutto con la carne, alcuni organi vengono sottoposti a un superlavoro, per primi reni e fegato.

Se abbiamo intenzione dunque di diventare vegani seguiamo una dieta equilibrata, evitando l’eccesso di proteine e preferendo i vegetali il livello del colesterolo si abbassa e si riduce quindi il rischio di malattie cardiovascolari, fra cui ictus e infarto.

Potresti leggere anche :

    Dieta Vegan: tre giorni per depurarsi Dieta Vegan: tre giorni per depurarsi
    E’ tanto in voga in questo momento sia perchè consente di perdere peso in modo naturale sia perchè nel contempo, lo fa salvaguardando gli animali e l’ambiente. Parliamo della dieta... 
    Dieta della Zuppa: dimagrire in leggerezza Dieta della Zuppa: dimagrire in leggerezza
    La dieta delle zuppe si basa su un principio semplice. Nei primi tre giorni disintossica, poi introduce le proteine per dare sprint al metabolismo e obbligare l’organismo a utilizzare... 
    Alimentazione materna: dieta ricca e variegata Alimentazione materna: dieta ricca e variegata
    La composizione del latte umano è più variabile di quanto si creda, e la dieta è il principale fattore che ne determina i costituenti, sia come qualità che come quantità. Nella donna che... 
    Dieta vegetariana: sì ma senza rischi Dieta vegetariana: sì ma senza rischi
    L’alimentazione vegetariana è sempre più amata. Le ragioni sono numerose: è sana, aiuta a riscoprire sapori più semplici e soprattutto è “cruelty free”, rispetta animali... 
    La mammografia: vantaggi e limiti La mammografia: vantaggi e limiti
     La mammografia permette di individuare qualsiasi tipo di neoformazione all’interno del seno. Possono essere messi in rilievo i tumori benigni come i fibroadenomi, le cisti e le microcalcificazioni... 

Copyright © 2012 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica