Sudare troppo. Cosa fare?

Avere le mani un pò sudate prima di un esame o una traspirazione abbondante in una giornata calda capita a tutti. Il corpo suda per mantenere la propria temperatura costante quando le temperature sono elevate, ma anche per reagire a una situazione di stress. Quando, però però si suda in maniera eccessiva indipendentemente dalla temperatura e dalle situazioni che possono attivare questa reazione, vuol dire che c’è una disfunzione del sistema nervoso autonomo, chiamata iperidrosi.

Anche se apparentemente sembra un problema da poco, è una vera e prpria malattia e chi ne soffre vive in una condizione di perenne disagio, si sente limitato nelle relazioni con gli altri e spesso si chiude in se stesso. Questa condizione può diventare addirittura invalidante rendendo inaccessibili molti lavori come, per esempio, quelli in cui si devono maneggiare strumenti di precisione o fogli di carta, o che richiedono un contatto fisico con altre persone.

Il disturbo si manifesta fin dalla nascita o durante l’adolescenza (in genere non dopo i 20 anni). Purtroppo non guarisce. Esistono però validi rimedi per migliorare la situazione. L’approccio meno invasivo è certamente quello di utilizzare deodoranti specifici. Si trovano in farmacia e sono a base di alcol e sali di alluminio, sostanze che agiscono localmente sull’attività delle ghiandole sudoripare, inibendola temporaneamente. Anche se non si tratta di farmaci è comunque meglio farsi consigliare dal proprio medico. Questi prodotti sono efficaci essenzialmente per chi ha un’iperidrosi non troppo grave e localizzato sotto le ascelle.

Se il problema è la ionoforesi
La persona immerge le mani o i piedi in vasche dove è presente una soluzione elettrolitica (acqua e sale). Sotto i palmi delle mani e le piante dei piedi vengono applicati degli elettrodi, a cui arriva una corrente a bassa intensità. La corrente veicola i sali disciolti nell’acqua fin sotto gli strati cutanei, otturando così i condotti delle ghiandole suporare. Si chiama ionoforesi ed è praticata dal dermatologo. La durata dell’effetto è di circa 3 giorni, quindi va ripetuta regolarmente, 3 o 4 volte a settimana all’inizio e poi una volta ogni una o due settimane. Esistono anche apparecchiature da utilizzare a casa.

Esistono anche apparecchiature da utilizzare a casa. E’ efficace nei casi di iperidrosi lieve ma può creare una sorta di dipendenza psicologica, per cui quando non si ha a disposizione l’apparecchio si rischia di andare in crisi.

Potresti leggere anche :

    Colesterolo Alto: cosa fare per curarlo Colesterolo Alto: cosa fare per curarlo
    Il colesterolo alto resta uno dei nemici più agguerriti della nostra salute, da curare prima che provochi conseguenze nefaste. Molecola fondamentale che rientra nella costituzione delle membrane... 
    Unghie fragili: cosa fare per curarle Unghie fragili: cosa fare per curarle
    Unghie fragili e deboli. Ci sono donne che amano sfoggiarle ricorrendo anche alle più bizzarre nail art, e chi invece non riesce proprio ad evitare di rosicchiarle per allontanare ansia e stress.... 
    Essere padri: cosa fare per la sua crescita Essere padri: cosa fare per la sua crescita
    Sono numerosi gli studi sociologici e antropologici che mostrano quanto sia importante la figura del padre per la crescita del figlio. Gli esiti di queste ricerche, mettono infatti in correlazione... 
    Cosa fare se il tuo lui è un tenerone Cosa fare se il tuo lui è un tenerone
    Siete lì, seduti insieme sul divano a guardare Forrest Gump per la centesima volta. Tom Hanks-Forrest è sulla tomba di Jenny. Tu sai che da un momento all’altro ti scenderà una lacrima... 
    Anoressia e Bulimia, cosa sono? Cosa fare? Anoressia e Bulimia, cosa sono? Cosa fare?
    Affliggono molti giovani e, spesso, non si conosce l’esatto significato di questi termini, ne si ha le conoscenze opportune, per cui si è impreparati ad affrontarne l’eventuale insorgenza... 

Copyright © 2012 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica