Prima assistenza: i corpi estranei

Per cause accidentali un corpo estraneo può penetrare nelle cavità naturali del corpo o nello spessore della pelle; ne sono colpiti soprattutto i bambini. A seconda del luogo in cui è presente il corpo estraneo si hanno disturbi specifici e diverse sono le norme di intervento. Il corpo estraneo penetrato in gola provoca una sensazione di soffocamento; la sua eliminazione è favorita dall’inclinazione in basso e avanti del capo, e piccoli colpi sul dorso che stimolano la tosse possono risultare utili.

Non bisogna cercare di estrarre l’oggetto con le dita, causa il rischio di spingerlo ancor più in profondità. L’entrata di corpi rotondeggianti come bottoni, noccioli o palline nell’esofago non richiede alcun intervento, poichè essi saranno espulsi con le feci in 24 o 48 ore. In caso di dolore o se gli oggetti ingeriti sono tagliati e appuntiti è necessario consultare il medico che vi darà suggerimenti più appropriati su come dovete comportarvi.

Le spine dei pesci conficcate in gola sono estremamente fastidiose: si favorisce la loro rimozione con la deglutizione di mollica di pane che le rimuove inglobandole nel bolo alimentare. Dopo alcuni tentativi inutili anche in tal caso occorre consultare lo specialista per la rimozione. Quando il corpo estraneo entra in una narice occorre espirare violentemente, tenendo chiusa con un dito la narice libera. Dopo alcuni tentativi inutili rivolgersi sempre al medico.

La rimozione di un corpo estraneo anche piccolo, dall’occhio, richiede alcuni accorgimenti per non ledere la cornea; in primo luogo si chiudono gli occhi per qualche minuto per consentire la lacrimazione e la spontanea eliminazione dell’oggetto, poi si lava con acqua precedentemente bollita e raffreddata. Evitare di strofinare gli occhi per non provocare ulcerazioni alla cornea. Se questo trattamento si rivela inefficace si può effettuare un lavaggio con acqua borica a concentrazione inferiore al 3% cercando di asportare il corpo estraneo con la punta di una garza sterile. In caso di persistenza dell’oggetto è preferibile recarsi dall’oculista; la palpebra superiore non deve mai essere rovesciata per evitare ulteriori lesioni.

Se il corpo estraneo è localizzato nell’orecchio si instillano nel condotto uditivo 2 o 3 gocce di olio d’oliva tipiedo: ciò si dimostra utile soprattutto quando si tratta di un insetto, che viene così immobilizzato. Spostando indietro il padiglione, con la testa flessa dal lato interessato, si dovrebbe rimuovere il corpo estraneo, ma in caso contrario va effettuato un lavaggio utilizzando una peretta di gomma riempita con acqua borica. Per evitare ulteriori complicazioni è bene che il lavaggio sia effettuato da personale competente.

Spesso nella pelle si conficcano schegge o spine che si possono rimuovere allargando i lembi della ferita con un ago e asportando il corpo estraneo con una pinzetta sterilizzata alla fiamma o per ebolizione. Nel caso in cui il corpo estraneo sia un ago da iniezione che è rimasto conficcato nel muscolo occorre avvisare il medico e mantenere il paziente nella posizione iniziale per evitare ulteriori spostamenti dell’ago.

Potresti leggere anche :

    Il neonato pre-termine: caratteristiche e assistenza Il neonato pre-termine: caratteristiche e assistenza
    Rispetto al neonato a termine, il pre-termine è in genere più piccolo, la testa è grande e ricoperta da capelli più lunghi e abbondanti, le fontanelle sono più aperte, il torace è meno... 
    La pulizia della cute: le basi La pulizia della cute: le basi
    La pelle svolge alcune funzioni di importanza fondamentale per il buon funzionamento dell’organismo. Tra queste ricordiamo la termoregolazione, l’escrezione di sostanze di varia... 
    Caldo e soccorso: regole di prima assistenza Caldo e soccorso: regole di prima assistenza
    Le temperature bollenti delle ultime settimane hanno provocato non pochi disagi soprattutto a bambini ed anziani, tanto da far registrare un aumento vertiginoso delle richieste d’aiuto... 

Copyright © 2012 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica