Mamme over 40: quali disagi psicologici?

L’Italia è il paese europeo che conta il maggior numero di mamme oltre i quarant’anni. Il calo delle nascite continua ad essere una costante, complice la precariaetà economica e l’aumento dei single. A compensare le nascite ci pensano però le mamme straniere: nel 2010 quasi il 19% sono i bambini nati da immigrate mentre tra il 2009 e il 2012 sono quasi il 10% le mamme che partoriscono dopo i quarant’anni. Quali sono i disagi psicologici che può avvertire una donna over 40 intenta a diventare mamma?

La maternità rappresenta un grande cambiamento esterno, che stravolge i ritmi della vita e richiede un livello di organizzazione diverso da quello adottato in precedenza. Dare la vita comporta d’altronde anche un grande sconvolgimento interiore. Un cambiamento che invade tutti gli aspetti della vita di una donna: dalla trasformazione fisica a quella relativa all’organizzazione della propria identità.

La maternità affrontata dopo i quarant’anni, quando alcuni schemi di comportamento e di vita si sono affermati e consolidati, diventa un’esperienza devastante che può procurare un senso di inadeguatezza e di disagio maggiore. Secondo alcune testimonianze, la gravidanza ma anche il periodo successivo genera un senso di solitudine molto marcato: la donna, nonostante sia circondata dal proprio compagno e dalla propria famiglia si sente sola e insicura così il timore di non riuscire a sostenere al meglio la situazione si fa sentire sempre di più.

Allora che fare per superare al meglio le paure e vivere con serenità questo momento magico? Affidarsi alla rete di amicizie è fondamentale. Confrontandosi con donne che hanno avuto la stessa esperienza aiuta a sentirsi meno sole e a sostenere questo momento singolare con maggiore fiducia in se stesse. Non abbiate paura di chiedere una mano a chi vi sta vicino anche quando testardamente credete di potercela fare da sole; fare la mamma non è un mestiere a cui si è preparate e che si impara in poco tempo. Non si finisce mai di capire cosa bisogna fare o cosa occorre evitare per vivere la maternità in modo sereno e senza troppi disagi e l’esperienza acquisita nel tempo è fondamentale.

Anche se la nuova condizione richiede impegno e attenzione, cercate di ritagliarvi sempre un piccolo spazio tutto dedicato a voi. Le notti insonni, le pappe preparate con cura, le ore trascorse a giocare e ad allattare, vi procureranno tanta gioia ma anche molto stress. Avrete di certo bisogno di qualche momento di distrazione che vi farà solo che bene: ricaricherete le batterie e vi sentirete più energiche di prima pronte ad affrontare nuovamente la grande avventura della maternità.

Potresti leggere anche :

    Mamme vs Figlie: no alla dipendenza Mamme vs Figlie: no alla dipendenza
    Lei proprio non si rassegna: continua a dirti di non prendere freddo, a spiegarti come si carica una lavatrice e a prestare al tuo lavoro l’attenzione che si dedica ai disegnini di una... 
    Attività aerobica: quali errori commettiamo Attività aerobica: quali errori commettiamo
    La camminata, la corsa, la bicicletta, il nuoto, quando eseguite con ritmi blandi e per un tempo prolungato sono tutte attività fitness che favoriscono lo snellimento e quindi sono molto amate... 
    Quali app scaricare? La realtà è aumentata… Quali app scaricare? La realtà è aumentata…
    Grazie alle nuove applicazioni per smartphone si può inquadrare una via e vedere in sovraipressione informazioni, dati e indicazioni. E sapere tutto subito. Immaginate di riprendere con il... 
    Mamme alleate per fare le…mamme Mamme alleate per fare le…mamme
    Fare la mamma è un mestiere stupendo, ma anche molto impegnativo. Lo sanno bene tutte quelle mamme che ogni giorno si destreggiano tra i vari impegni, cercando di realizzare ogni cosa al meglio.... 

Copyright © 2012 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica