Vacanze: 5 regole per salvarle

Le vacanze sono prossime e lo stress non si farà certamente attendere. Sia durantei  preparativi che nel corso del viaggio scatta l’ansia perchè si ha timore di non riuscire a reggere il traffico o i capricci dei figli che non sopportano di trascorrere troppe ore in auto. La crisi poi ha scatenato preoccupazioni e paure che difficilmente ci abbandonano, anche quando stiamo per dedicarci a momenti che dovrebbero essere rilassanti. Una volta raggiunta la meta non è che le cose migliorino.

Non facciamo in tempo ad appoggiare le valigie che già c’è qualcuno -e spesso siamo proprio noi- che tiriamo fuori una cartina e cominciamo a programmare le giornate minuto per minuto, trasformando la sospirata pausa in un fitto calendiario di impegni. Ma perchè la vacanza sia davvero tale (cioè un momento di libertà, di vuoto dagli obblighi e dal lavoro) occorre affrontarla con uno spirito completamente diverso da quella che ci guida nella routine quotidiana.

“Dobbiamo abolire la logica della performance, secondo la quale tutto deve essere organizzato al meglio e darci il massimo della gratificazione possibile” spiega lo psicologo Nicola Ghezzani. Abbandonarci a esperienze opposte a quelle che viviamo durante il resto dell’anno. Altrimenti non stacchiamo mai e ritroviamo gli stessi elementi stressanti che ci illudevamo di aver lasciato in ufficio. Deve cambiare tutto: al dovere si oppone l’abbandono, al controllo l’accettazione delle casualità. Ecco a voi 5 mosse per rilassarsi in pieno. Prima di tutto è preferibile scegliere le vacanze valutando con sinverità i propri bisogni, le proprie risorse fisiche, psichiche ed economiche.

Non createvi aspettative eccessive: nessuna esperienza può compensare un anno di frustrazioni lavorative e personali. Vivere la vacanza giorno dopo giorno, disponibili all’imprevisto, alla casualità, a qualche piccola delusione. Bisogna inoltre abbandonare l’ottica del fare le cose per dimostrare qualcosa a se stessi o agli altri. Ci si può limitare a godersi il posto.

Potresti leggere anche :

    Pelle più elastica e idratata dopo le vacanze Pelle più elastica e idratata dopo le vacanze
    Quando terminano le vacanze il tono della pelle e la sua grana ci sembrnao visibilmente migliorati. Ma tutto ciò non è solo merito della tintarella perchè chi è stato in spiaggia deve ringraziare... 
    Vacanze vicine? Evitiamo lo stress Vacanze vicine? Evitiamo lo stress
    Le aspettiamo, sognamo, organizziamo per mesi e poi, quando finalmente arrivano, non riusciamo a godercele. Stiamo parlando delle vacanze, in cime alle classifiche delle fonti di stress subito... 

Copyright © 2012 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica