Coppia: i linguaggi che si scontrano

I tempi sono cambiati e anche le forme di comunicazione all’interno della coppia lo sono. In passato, ciò che un partner diceva all’altro era spesso imperativo, aspro e per questo spesso poco condiviso. Aveva però il pregio di essere  comunicato in modo diretto e chiaro, senza fronzoli o false ipocrisie. Le regole sociali agevolavano la comunicazione che, per quanto criticabili, rendevano il conflitto aperto una rara eventualità. E quando si presentava, riguardava più che altro la disparità dei ruoli, e la disperata ricerca femminile di ottenere riconoscimento rifiutando la sottomissione.

Con l’affermarsi della figura della donna, all’insegna di una ritrovata democrazia tra i generi, la questione si è complicata. Il sovrapporsi dei ruoli per quanto può essere considerato per certi aspetti positivo, ha creato non poca confusione. L’emotività in un contesto caratterizzato da fraintendimenti, confusione, silenzi e precarietà, può giocare brutti schermi sia per l’uomo che per la donna.

I maschi parlano spesso un linguaggio che le donne non riescono a capire, mescolando messaggi tipici di una forma mentis pratica e sbrigativa con altri, a contenuto emozionale, che ancora risultano indecifrabili. L’uomo vuole essere al centro dell’attenzione, sempre rassicurato ma nel contempo odia le gabbie e vuole vivere a briglie sciolte. La donna invece pur dando come sempre risalto ai contenuti affettivi ed emotivi, ha assunto un linguaggio più aspro e aggressivo, misto a elementi di insicurezza che ha preso in prestito dalla tradizione maschile.

Deborah Tannen, nelle sue teorie sulla comunicazione tra partner evidenziava che mentre le conversazioni femminili rappresentano una sorta di “negoziati per l’intimità”, mediante in quali si ricerca comprensione e tolleranza, nel tentativo di proteggersi da chi cerca ancora di metterle da parte, l’uomo pur riconoscendo il ruolo della donna, tende a raggiungere un livello superiore di carriera e a proteggerlo dalla minaccia di sentirsi surclassato dalla sua stessa compagna di vita. Le difficoltà di comunicazione nascono proprio dalle differenze tra stile intimo e stile gerarchico: il primo tende a raggiungere il consenso senza far leva sulla superiorità, mentre il secondo pone l’accento sullo status enfatizzando l’improtanza dell’indipendenza.

Poi quando lo stile intimo viene perseguito anche dall’uomo ma in modo maldestro, quasi estorto con la forza in nome di una presunta superiorità mai del tutto accantonata, e quello gerarchico viene afferrato dalla donna, sull’onda della rivincita e dell’autoaffermazione, i rapporti si complicano ancora di più. Allora cosa bisogna fare per evitare lo sfascio? La parola d’ordine è negoziare. Ciò vuol dire avere considerazione dell’altro e delle sue esigenze senza farsi schiacciare dal peso delle aspettative. La passione che può essere un piacevole collante, un carburante di energia creativa, potrebbe contribuire a far deporre, almeno momentaneamente l’ascia di guerra.

Per mantenersi vivo necessita di attributi come creatività, entusiasmo e libertà, che sono il suo motore. Evitiamo quindi la ripetitività, l’ansia da prestazione, il timore di lasciarsi andare completamente, la censura della fantasia che sono i nemici capitali dell’erotismo di coppia. Altra parola d’ordine è consapevolezza. Occorre mettere le carte in tavola e sviscerare fino in fonda cosa c’è che non va, facendo finalmente crollare le barriere comunicative. Gradualmente è possibile prendere atto delle distorsioni comunicative, tralasciando il bisogno di affermare il proprio ruolo e i propri bisogni, facendo proprio il linguaggio dell’altro.

Potresti leggere anche :

    La gelosia e l’invidia nella coppia La gelosia e l’invidia nella coppia
    Ha fatto la fortuna di legali e agenzie investigative. Anche perchè quando diventa ossesiva le prove sembrano non essere mai sufficienti. Sì, perchè quando la gelosia diventa logorante e... 
    Amore e coppia: i genitori e il loro ruolo Amore e coppia: i genitori e il loro ruolo
    Parlare d’amore per molti equivale a catalogarlo secondo schemi ideali piuttosto semplicistici. Capita spesso che i genitori cerchino di intervenire senza discrezione, esprimendo giudizi... 
    Coppia e aggressività: dove incanalarla? Coppia e aggressività: dove incanalarla?
    Riacciuffare i propri diritti e riaffermare il proprio ruolo, ha spesso generato nella donna del nuovo millennio un’aggressività che prima le era completamente estranea. Ma da cosa deriva... 
    La coppia e l’altalena dei ruoli: le novità La coppia e l’altalena dei ruoli: le novità
    La società post-industriale ci propone una coppia caratterizzata da nuove esigenze e ruoli invertiti e sovrapposti. Prima era il partner ad avere la necessità di adagiarsi sulla sua donna,... 
    La piramide dei sensi per stimolare la coppia La piramide dei sensi per stimolare la coppia
    Prima è arrivata la piramide alimentare, facile schema che sufferisce gli ingredienti di una sana dieta quotidiana: una base di frutta e verdura e poi pane e pasta, un piano intermedio di carne,... 

Copyright © 2012 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica