L’alimentazione del bambino ammalato

Durante il periodo dello svezzamento, il bambino si può ammalare (disturbi gastrointestinali o stati febbrili) e in questi casi l’alimentazione dovrà subire un brusco cambiamento. Nel caso di patologie gastroenteriche occorre sospendere immediatamente la somministrazione degli alimenti abitualmente consumati e passare ad una dieta idrica, a base di acqua bollita, tè deteinato e camomilla, al fine di evitare la disidratazione conseguente a vomito e diarrea prolungati. E’ buona norma lasciare aggiungere saccarosio a piccole dosi, per evitare uno stato ipoglicemico.

La durata della dieta idroca è generalmente di 48 ore. Quando le evacuazioni perdono il carattere della scarica diarroica e assumono un aspetto mucoso, è opportuno iniziare una rialimentazione graduale, utilizzando nel caso del lattante, piccole quantità crescenti di latte, e per lo svezzamento, alimenti a base di amido quali riso, patate, pasta, quindi pane e infine carne bianca, lessata. Durante la rialimentazione si possono notare ancora feci mucose con tracce di cibi che non sono stati completamente digeriti; se il fenomeno è modesto non si deve sospendere l’alimentazione, ma continuare a somministrare buone quantità di liquidi.

In caso di stati febbrili il bambino spesso accusa un calo dell’appetito e non deve essere forzato ad ingerire alimenti. Se invece l’appetito è normale non vi sono motivi per limitare la quantità di cibo, anche se si consiglia di preferire quelli più digeribili, soprattutto se il paziente è costretto a letto. Poichè lo stato febbrile elevato comporta una marcata perdita di acqua attraverso la sudorazione e l’aumentata frequenza respiratoria, è necessario somministrare abbondanti liquidi, preferendo le spremute e i succhi di frutta freschi, ricchi di vitamine, al fine di soddisfare l’accresciuto fabbisogno nel rialzo termico.

Durante la convalescenza, dopo una dieta idrica, è necessario osservare un’alimentazione leggermente ipercalorica e iperproteica per compensare le perdite subite. La dieta del bambino sottoposto a vaccinazione orale non va modificata; nella settimana precedente la vaccinazione, e in quella seguente, è opportuno non introdurre alcun alimento diverso da quelli abituali.

Potresti leggere anche :

    Alimentazione corretta: la ricerca dice… Alimentazione corretta: la ricerca dice…
    Vivere bene vuol dire prima di tutto mangiare meglio. Questo significa che bisogna fare una dieta prestando attenzione alle quantità, ma anche alle varietà. Non c’è niente di cui dobbiamo... 
    Cibo e bambino: quando si forma il gusto Cibo e bambino: quando si forma il gusto
    Già dal momento in cui si trovano nel grembo materno, i bambini sanno percepire i sapori. La formazione delle papille gustative avviene infatti alla fine del secondo mese di gestazione, momento... 
    L’alimentazione del bambino dopo il primo anno L’alimentazione del bambino dopo il primo anno
    L’alimentazione del bambino dopo il primo anno di vita è abbastanza simile qualitativamente a quella dell’adulto, eccezion fatta per alcuni divieti che bisogna ugualmente tenere... 
    La camera del bambino? Ecco come deve essere La camera del bambino? Ecco come deve essere
    Il bambino durante la prima infanzia dipende completamente dagli adulti, ed è perciò necessario che la sua camera sia attigua a quella dei genitori, in modo da consentire un costante rapporto... 
    Psicologia e alimentazione: un legame imprescindibile Psicologia e alimentazione: un legame imprescindibile
    Il cibo, oltre ad assicurare l’espletamento delle attività vitali ed energetiche, e a conservare l’organismo in buona salute, ha un profondo e piuttosto misterioso, significato... 

Copyright © 2012 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica