La camera del bambino? Ecco come deve essere

Il bambino durante la prima infanzia dipende completamente dagli adulti, ed è perciò necessario che la sua camera sia attigua a quella dei genitori, in modo da consentire un costante rapporto acustico e visivo. E’ bene abituare precocemente il bambino a dormire nella propria stanza e non in quella dei genitori, in modo da evitare possibili traumi da distacco in periodi successivi. La camera del bambino deve essere ubicata a Sud-Est, luminosa, arieggiata e tranquilla: deve avere pareti chiare, possibilmente lavabili, sgombre da tende e da suppellettili che favoriscono il deposito di polveri e germi.

I pavimenti devono consentire agevoli lavaggi quotidiani e una sanificazione (almeno una volta ogni due settimane) con un buon desinfettante; sono perciò da evitare tappeti e moquettes, per la scarsa garanzia igienica. L’arredamento deve essere essenziale, prevedendo solo i mobili indispensabili, in modo da non ridurre la quantità di aria a disposizione del bambino; inoltre i mobili devono consentire una rapida pulizia della stanza (è meglio se appoggiano su piedini), devon essere privi di spigoli e vanno spolverati almeno una volta al giorno con un panno umido, per evitare che durante la pulizia si sollevi la polvere.

La culla deve essere sufficientemente alta dal pavimento e provvista di sponde di protezione, al fine di prevenire le cadute, e può essere dotata di un velo per proteggere dagli insetti; inoltre essa deve essere collocata in modo da ricevere la luce frontalmente, ad una certa distanza dal muro e riparata dalle correnti d’aria. Nel secondo trimestre la culla va sostituita da un letitno fornito di sponde abbassabili. La scelta dei materassi deve orientarsi sul crine vegetale o animale per la culla, sulla lana, sul crine oppure su materassi a molle per il lettino; l’uso del guanciale è facoltativo, ma accettandone l’uso sono da preferire i cuscini di basso spessore e del tipo antisoffocamento.

Nei primi mesi di vita il fasciatoio è indispensabile, e deve essere provvisto di cassetti e ripiani per riporre i prodotti di pulizia e la biancheria del neonato; il piano superiore deve essere imbottito e lavabile, in modo da consentire l’agevole ricambio dei pannolini; inoltre è bene che su di esso sia posta la bilancia necessaria per la pesatura periodica. In seguito, quando il fasciatoio non è più necessario al suo primo posto si possono mettere un tavolino e una sedia di dimensioni adatte al bambino.

Potresti leggere anche :

    Cibo e bambino: quando si forma il gusto Cibo e bambino: quando si forma il gusto
    Già dal momento in cui si trovano nel grembo materno, i bambini sanno percepire i sapori. La formazione delle papille gustative avviene infatti alla fine del secondo mese di gestazione, momento... 
    Essere sempre allegri: ecco perchè Essere sempre allegri: ecco perchè
    Abbiamo già parlato di come l’ansia e le preoccupazioni, possono influenzare negativamente l’umore, il grado d’azione e persino lo stato di salute di un individuo. Ma cosa... 
    L’alimentazione del bambino dopo il primo anno L’alimentazione del bambino dopo il primo anno
    L’alimentazione del bambino dopo il primo anno di vita è abbastanza simile qualitativamente a quella dell’adulto, eccezion fatta per alcuni divieti che bisogna ugualmente tenere... 
    L’alimentazione del bambino ammalato L’alimentazione del bambino ammalato
    Durante il periodo dello svezzamento, il bambino si può ammalare (disturbi gastrointestinali o stati febbrili) e in questi casi l’alimentazione dovrà subire un brusco cambiamento. Nel... 
    Essere mamma: condizioni per il concepimento Essere mamma: condizioni per il concepimento
    Quando una coppia decide di mettere in cantiere un bambino, vorrebbe che la cicogna arrivasse subito. In alcuni casi questo si verifica, ma per molte donne la tanto desiderata gravidanza si... 

Copyright © 2012 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica