Il Triangolo delle Bermuda non è più un mistero

Per anni, e ormai sono due secoli, si è discusso di quello che viene definito il famigerato “Triangolo delle Bermuda” , ovvero quel tratto di mare compreso tra ie Isole Bermuda, la Florida e Portorico, nell’oceano Atlantico.

In questa porzione di Oceano sono decine le navi e gli aerei scomparsi misteriosamente e di cui non si è avuto più notizia e dei quali si ignora la causa di queste repentine e misteriose scomparse.

Per anni sono state fatte ipotesi, spesso anche azzardate, per tentare di offrire una spiegazione accettabile al curioso quanto tragico fenomeno.

Ebbene solo di recente si è scoperto che la zona è interessata a uno strano quanto potente fenomeno vulcanico : nelle profondità marine, dalle più profonde viscere della Terra, si sollevano enormi bolle di gas metano che risalendo in superfice poi risucchiano , trascinando giù, ogni cosa che in quel momento si trova a solcare il mare o a sorvolarlo.

Si tratterebbe dunque di gigantesce bolle di gas, dalla forza tremenda, che affiorano improvvise dalle profondità.

A chiarire e svelare il mistero è stato il prof. Joseph Monaghan , chimico e docente di Matematica applicata presso l’Università di Monash , in Australia.

Il prof. Monaghan è stato assistito nei suoi preziosi studi anche dal suo collega, geologo, David May : insieme i due , dopo studi e ricerche, hanno potuto appurare l’origine del fenomeno che per secoli ha appassionato decine di studiosi.

Gli studi sono partiti da quello fornito alle Compagnie di estrazione del gas che provavano che nella zona proprio delimitata dal cosidetto triangolo delle Bermuda, vi erano ingenti quantità di gas naturale.
A partire da questo le ricerche hanno dimostrato come le enormi bolle di gas fossero racchiuse in camere di roccia e avvolte dall’acqua : queste enorme bolle d’acqua sono stabilmente racchiuse nelle loro naturali “gabbie di roccia” , ma non appena si apre una via di fuga, il gas finisce per fuoriuscire, espandendosi rapidamente e raggiungendo la superfice a velocità impressionanti e affiorano dall’acqua come “enormi bolle” che prima sollevano l’imbarcazione che in quel momento solca quella prozione di mare e poi, “scoppiando”, ne determina la caduta al suo interno.

Lo scoppio, precisa il prof. Monaghan, non avviene con fiamme e crea un enorme vortice in pratica in grado di risucchiare qualsiasi cosa, anche un nave mercantile.
Per gli aerei la spiegazione è altrettanto logica : le bolle di gas, scoppiando e creando un “vortice di risucchio” sottraggono improvvisamente aria da sotto le ali dei veicoli che sorvolano la zona, creando le condizioni per il loro precipitare, soprattutto se sorvolano la zona a bassa quota come è stato dimostrato per tutti gli aerei misteriosamente spariti in quella zona di oceano.

Lo scienziato afferma che non esiste una pericolisità evidente a navoigare in quella zona, anche perchè negli ultimi tempi c’è na sensibile diminuzione delle sparizioni, cosa che fa pensare che le enormi bolle di gas sotterranee si stiano esaurendo in numero e volume.

Tuttavia non esiste una reale sicurezza e una possibilità di prevenzione a questi fenomeni che sono, va aggiunto, incontrollabili : le navi costrette a navigare in quella zona, per quanto possano essere studiate allo scopo, di fornte alla forza della natura, ben poco potrebbero.

C’è dunque solo da augurarsi che le bolle sottorranee perdano di forza e di intensità e che diminuiscano di numero.

Quello che conta è che il mistero si sia avviato a soluzione, scalzando così le teorie più fantascientifiche avanzate nel corso de tempi, comprese quelle ufologiche.

Sfatare queste teorie equivale a un gran passo culturale e scientifico e soprattutto ad assicurare una miglio previsione dei fenomeni naturali.

Potresti leggere anche :

    Tipologia fisica a triangolo: il look per voi Tipologia fisica a triangolo: il look per voi
    A ogni tipologia fisica addice un abbiagliamento e un look di un certo tipo. Per valorizzare un fisico che è più rotondo in certi punti e più sottile in altri, bisogna bilanciare i volumi... 
    La cura e la pulizia delle sopracciglia La cura e la pulizia delle sopracciglia
    Comunicano e si esprimono in base alla loro forma. Una buona costruzione delle sopracciglia, secondo molti make-up artist determina almeno il 50% della buona riuscita di un trucco. Per essere... 
    L’ emicrania colpisce il 2 % delle donne, ed è solo un tipo di mal di testa L’ emicrania colpisce il 2 % delle donne, ed è solo un tipo di mal di testa
    Pochi sanno che l’emicrania è solo uno dei ben sette tipi di mal di testa che si classificano attualmente e colpisce circa il 2 % della popolazione femminile. L’emicrania colpisce... 

Copyright © 2010 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica