Le fedi nunziali, perchè sono importanti

Hanno un valore simbolico inestimabile, rappresentano il simbolo stesso del matrimonio, sono segno inconfondibile di un amore suggellato da un tenero si.
Possono essere classiche o moderne, di vari metalli preziosi come oro giallo, oro bianco, platino e possono presentare pietre preziose incastonate come i diamanti.
Le ragazze le sognano e il loro cuore palpita quando scivolano al dito , in Chiesa, per le mani di quello che sta per diventare, a tutti gli effetti, il proprio marito.

A parte l’etimologia che ci dice che le fedi derivano da anellus, ossia anello, ovvero un cerchio di metallo atto ad adornare le dita, il loro uso è antichissimo.
Come anelli fin dall’antichità, più o meno adornati venivano usati anche come talismani, come segni di potere : giova ricordare i sigilli papali o reali che venivano impressi nella ceralacca dei documenti , e che facevano parte di anelli, segno di potere e autorità.
Anche il metallo di cui erano fatti gli “anelli” erano importanti ai fini del riconoscimento dello “status”.
Ad esempio presso i romani un anello al dito d’oro indicava che chi lo indossava era libero, mentre se era costituito d’argento era uno schiavo libero e, infine, se era di ferro o altra lega , si trattava di uno schiavo a tutti gli effetti.
Papi e Vescovi hanno sempre ricevuto un anello alla consacrazione nel giorno del loro ordinamento o elezione : il Papa riceve l’anello “piscatorio” che reca inciso il nome che si è imposto oltre a raffigurare la barca di S.Pietro.

Solo nel XVI secolo è stata introdotta la tradizione, per i novelli sposi, di indossare dei “cerchi”  ( fedi ) d’oro : più tardi, circa un secolo dopo, è stata introdotta anche l’usanza di incidere, all’interno degli anelli, il nome degli sposi con la data delle loro nozze.
Da allora le fedi nunziali hanno assunto anche un significato “sacro” : la Chiesa benedice quegli anelli e ne fa un segno “esterno” dell’amore consacrato.
Le parole infatti che gli sposi pronunciano al momento dello scambio degli anelli imprimono alle “vere” un significato profondo e quasi mistico promettendo fedeltà ma soprattutto facendo il tutto “nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”.
Non dimentichiamo infatti  che nel rito cattolico del matrimonio gli sposi sono loro stessi “ministri” del matrimonio , per cui le fedi che si scambiano hanno un valore altissimo.

Nel corso degli ultimi secoli le fedi , spesso, rappresentavano l’unico tesoro delle famiglie povere : non era raro, in tempi di miseria e povertà, trovare presso i banchi dei pegni le fedi di tanti matrimoni e che diventavano, in molti casi, anche possibilità di sopravvivenza.

Oggi le fedi nunziali sono particolarmente belle e impreziosite : c’è solo l’imbarazzo della scelta secondo i gusti, e in genere, sono scelti dagli sposi ma regalate dai testimoni , che ne curano anche la consegna in Chiesa al momento del matrimonio sull’apposito cuscino predisposto allo scopo.

Potresti leggere anche :

    Fiera Roma Sposa 2013: l’abito al 1° posto Fiera Roma Sposa 2013: l’abito al 1° posto
    Le follie da organizzazione da matrimonio, con la crisi che imperversa, sembrano quasi un miraggio. Eppure girovagando presso per gli stand della Fiera Roma Sposa, è possibile ammirare abiti... 
    Il servizio fotografico per il matrimonio Il servizio fotografico per il matrimonio
    Uno dei capitoli più importanti di un matrimonio è il servzio fotografico . Il servizio fotografico non è solo l’istantanea di un momento di felicità, ma diventa lo scrigno dei ricordi... 
    I documenti per sposarsi , prepararli in tempo I documenti per sposarsi , prepararli in tempo
    Alla decisione di sposarsi segue sempre quella della scelta del giorno, della Chiesa e della location. Ma gli sposi devono anche predisporre una serie di documenti necessari per il matrimonio... 
    Temi la rivale? Chi sono le sfascia-coppie e perchè Temi la rivale? Chi sono le sfascia-coppie e perchè
    Nel rapporto di coppia, sia di fidanzati, sia di sposati, bisogna sempre metterlo in conto : il tradimento. E’ possibile sempre riceerlo, come è sempe possibile darlo : mai dire mai, anche... 

Copyright © 2010 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica