Piercing e Tatuaggi aumentano il rischio di epatite

In Italia ci sono circa 2 milioni di persone che hanno contratto un infezione epatica ma lo ignorano completamente.
Se ieri una della maggiori cause di contagio veniva identificata nella tossicodipendenza, adesso lo scenario è mutato considerevolmente : tra le maggiori cause di infezioni da Epatite C figurano il piercing e i tatuaggi.
E’ quanto è emerso durante la ” Giornata Mondiale dell’ Epatite” celebrata il 19 maggio 2010.
L’allarme è stato lanciato, soprattutto riguardo ai controlli : i negozi che effettuano il piercing spesso non sono sufficientemente vigilati, è invalso l’uso di riutilizzare gli strumenti anzichè procedere con quelli monouso, le sterilizzazioni lasciano a desiderare e non garantiscono le più elementari norme di sicurezza.
Per i tatuaggi poi l’allarme è ancor più significativo se si pensa che spesso vengono praticati in spiaggia o in negozi dove davvero è difficile capire il confine tra legittimo e illegittimo.
E se per l’epatite di tipo B restano prevalenti, come cause di contagio, tossicodipendenza, rapporti non protetti, promiscuità, contagi con contatto diretto con sangue e fluidi corporei, per l’epatite di tipo C balzano agli onori della  cronaca e in cima la classifica proprio il piercing e il tatuaggio.
Secondo gli esperti intervenuti durante il convegno occorre immediatamente trovare un applicazione rigida delle norme per i negozi e le strutture che eseguoni piercing e tatuaggi : insomma, in parole povere, più controlli e più severi per una prevenzione radicale.
Ovviamente chi decide di farsi un piercing i un tatuaggio deve essere cosciente di questo rischio e deve poter essere in grado di valutare se è sufficientemente tutelato.

Potresti leggere anche :

    Rimuovere i Tatuaggi: non sempre si può Rimuovere i Tatuaggi: non sempre si può
    Negli ultimi anni, sono diventati un must have per giovani e meno giovani. Eppure farsi imprimere sulla pelle in maniera indelebile un nome, un volto o una data, non sempre ha esiti positivi.... 
    Siete a rischio allergie? Scopriamolo insieme Siete a rischio allergie? Scopriamolo insieme
    La diffusione delle malattie allergiche è così ampia da rappresentare un vero e proprio fenomeno sociale. Il 30% della popolazione europea è soggetto ad allergia e si stima che entro il 2020... 
    Le emozioni e il rischio di divorzio Le emozioni e il rischio di divorzio
    Sebbene il tasso dei divorzio in Italia e nel mondo si sia stabilizzato seppur su cifre molto alte, il “rischio” che aumenti è cresciuto vertiginosamente. In particolare a partire... 
    Gravidanza e fattori di rischio Gravidanza e fattori di rischio
    Sono numerosi i fattori da cui bisogna stare alla larga quando si affronta la gravidanza. Alcuni farmaci, se somministrati durante questo periodo, possono avere effetto teratogeno, cioè generare... 

Copyright © 2010 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica