La gelosia quel segreto mal d’amore : quanto sei gelosa?

Se siete disposte a giurare di non aver mai sbirciato, o avuto il desiderio di sbirciare, il cellulare del viostro partner, di ascoltare una sua telefonata strana, di coler leggere la sua casella di posta elettronica, allora non continuate a leggere perchè questo articolo non fa per voi.
Stiamo infatti parlando della gelosia, sentimento che, in ragione diversa, interessa tutti indistintamente.
E’ fondamentalmente la realizzazione dell’idea che ciò che si ha di più caro si possa perdere : se volete è anche una forma di “possessività” anche se, per quest’ultimo concetto, si è costretti a fare un discorso a parte.

Le componenti che rientrano nella gelosia sono svariate anche se fondamentalmente possiamo rappresentarle solo in due gruppi : quella della forte paura di perdere il bene amato necessario al proprio bene e di conseguente alla separazione, al dolore, all’abbandono , e quella dell’invidia per l’altra che ci sottrae il bene, invidia per ciò che l’altra ha e che noi, almeno apparentemente, non abbiamo o perlomeno non sappiamo evidenziare.

Il secondo gruppo di ragioni è quello che appare più interessante e che forse può essere affrontato con la dovuta serenità per comprenderlo e affrontarlo.
Più che di una forma di gelosia verso il proprio partner infatti si traduce in un immediata invidia per l’altra , per le sue presunte capacità di conquistare il nostro lui.
Presto questa invidia potrebbe diventare anche fonte di odio e di rancore, sentimenti che scardinano l’originale e “umana” gelosia e la traducono in forme di vendetta, di odio, di rancore.
Da queste motivazioni se ne esce , e diremmo se ne deve uscire, con un minimo di analisi del problema : spesso la “rivale” esercita il suo fascino non perchè abbia delle immediate qualità che noi non abbiamo, ma solo perchè noi pensiamo di non possederle o non sappiamo valorizzarle.
E così la “tentatrice” che rende insonni le nostre notti alla fine scopriamo essere una normalissima donna, spesso , dotata di meno qualità di noi che, al nostro confronto, ha di più solo l’astuzia , o l’abilità, di saperle meglio valorizzare.
Lavorando su noi stesse più che nutrire “invidia” per quello che lei, la rivale, ha e noi pensiamo di non avere , occorre valutare realmente ciò che “pensiamo abbia” e cercare se magari i noi non sono latenti ed è solo che non riusciamo a valorizzare.
Insomma il più delle volte questa forma di gelosia-invidia è immotivata e ingiustificata.

Esistono fondamentalmente due tipi di gelosia : quella normale e qualla patologica.
La prima si accompagna sempre a un rapporto d’amore : potremmo dire che fa parte del patrimonio genetico umano.
La seconda rappresenta più una paura che si materializza, che ci fa perdere il controllo di noi e della situazione, ritenendo che qualche altro si possa impossessare del bene di cui noi abbiamo assoluta necessità.

La gelosia normale , a dirla tutta, è anche utile : in tantissimi casi è quel piccolo campanello che segnala ed evidenzia l’amore , che gratifca la persona amata e che gli segnala quanto sia importante per noi e viva la paura di perderlo.
Non a caso, anche se può sembrare retorica, è diffcile concepire un amore senza un minimo di gelosia, di piccola paura di perdere, di quei piccoli sospetti che si traducono in piccoli atteggiamenti che possono solo far bene alla coppia.

La gelosia patologica invece ha molteplici aspetti e diverse caratteristiche : nelle sue manifestazioni può presentarsi ossessiva e spesso diventare vere e propria malattia.
Si passa da un iniziale sospetto per finire a controllare, ossessivamente, tutti i movimenti del partner, tutti i rapporti con l’altro, a intrufolarsi nella sua vita più intima, si finisce per essere aggressive con le possibili rivale a escluderle con prepotenza dalla socialità del partner , spesso si presenta anche una forma di aggressione verso il partner accompganata da momenti di sconforto , crisi di pianto isterico.
Quando poi subentra la convinzione che il proprio partner ci tradisca e non se ne viene a capo non tanto perchè il tradimento non esista, ma perchè lui è tanto abile da nasconderlo, allora la gelosia diventa una vera e propria fobia e possiamo ascriverla direttamente nei disturbi della personalità.

Ed è stranissimo che moltissime donne, pur rientrando nella casistica della gelosia patologica, tendono a escludere di essere diventate possessive e ossessive : è la stessa ragione che la fa nascere.
Sospetti e circostanze infondate alimentano la gelosia patologica, così come la convinzione di non essere gelose le accompagna sempre.
In altre parole una persona possessiva e patologicamente gelosa non è disposta ad ammettere di esserlo e spesso ha radici lontane, quasi sempre nell’infanzia.
Quasi sempre infatti alla base c’è un autostima che manca fin dalla tenera età : il partner ama un altra perchè più degna di noi e qui la grande paura di perderlo.
Ed è la mancanza di autostima che poi spinge a circondare il proprio partner di un insieme di atteggiamenti atti a difenderlo, isolarlo da quelle che sono le potenziali rivali.
Si finisce così per alzare vere barriere di filo spinato che finiscono per soffocare il partner : e quanto più questi cercherà di sfuggire alla morsa ossessiva, tanto più la gelosia patologica si convincerà che ci sono fondati motivi di sospetto e dunque necessario inasprire l’isolamento per “salvaguardare” il proprio bene.

Insomma se leggendo vi riconoscete nel secondo gruppo di motivazioni e ammettete di essere possessive più che normalmente gelose, beh fate ancora appena in tempo a uscirne.

Potresti leggere anche :

    Genitori e sentimenti: amore latino e amore glaciale Genitori e sentimenti: amore latino e amore glaciale
    Spesso è analizzando la persona di chi ci si innamora che è possibile stabilire le nostre radici, quelli che hanno condizionato il nostro processo di maturazione. L’amore latino, quello... 
    La gelosia e l’invidia nella coppia La gelosia e l’invidia nella coppia
    Ha fatto la fortuna di legali e agenzie investigative. Anche perchè quando diventa ossesiva le prove sembrano non essere mai sufficienti. Sì, perchè quando la gelosia diventa logorante e... 
    Astrologia: i 12 segni della…gelosia Astrologia: i 12 segni della…gelosia
    C’è quella cieca e passionale dello Scorpione e quella “di diritto” della Bilancia. Ogni segno ha un modo diverso di esprimere la possessività a seconda del suo pianeta guida.... 
    Arriva l’estate, arrivano i tradimenti : gelosia e scenate Arriva l’estate, arrivano i tradimenti : gelosia e scenate
    Ci siamo : l’estate è alle porte e , come di consueto, per alcune coppie suona il classico campanello d’allarme. Occasioni e gelosia possono innescare tradimenti proprio in occasione... 
    La differenza di età nella coppia, quanto conta e come superarla La differenza di età nella coppia, quanto conta e come superarla
    Ci fu un tempo in cui la coppia con una concreta differenza di età , soprattutto del partner maschile rispetto a quello femminile, era ben visto, tollerato e , anzi, in alcuni casi auspicato. Insomma... 

Copyright © 2010 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica