L’alimentazione in gravidanza , cose di cui abbiamo bisogno

Una delle preoccupazioni principali di una donna incinta è, o perlomeno dovrebbe essere, quella di seguire una dieta con alla base un alimentazione sana, nutriente ed euilibrata allo scopo.
Sfatata la credenza che “occorre mangiare per due”, e abbiamo visto come in realtà il maggior fabbisogno calorico si riduce a un massimo di circa 300 calorie in più al giorno, ora occore valutare quali siano gli alimenti migliori e di qualità per i 9 mesi della gravidanza.
Li raggruppiamo per apporto di alcuni fattori fondamentali  che non devono mai mancare : la corretta redistrubione nell’arco della giornata è poi il compito successivo.

Le proteine : contenute nel pesce e nelle carni magre , ma anche nei latticini, nelle uova , nei legumi e nei cereali, sono, attraverso gli aminoacidi che li compongono, i “mattoni” della crescita del bambino.
Cellule e tessuti che compongono muscoli, ossa e i connettivi ne hanno un assoluto bisogno in quanto sono i loro elementi costitutivi.
Le proteine vanno distribuite durante almeno 3 pasti giornalieri e facendo attenzione alla “qualità” delle stesse.

I carboidrati  sono quelli che forniscono il maggior apporto calorico per la giornata : anche qui bisogna fare estrema attenzione evitando quelli che apportano solo “calorie” senza principi nutritivi validi.
Tra i carboiderati abbiamo zuccheri semplici come il glucosio ( che si trova ad esempio nel miele), il fruttosio ( riscontrabile nella frutta ) , il maltosio, il lattosio e il galattasio ( presenti nel latte ) e il saccarosio ( presente nello zucchero di canna ad esempio ) : sono rapidamente assorbiti dallo stomaco e rappresnetano dunque una “fonte i energia” pressochè immediata e disponibile per l’organismo.

Le vitamine , rappresentate soprattutto dalle vitamine C, A , B , E ed acido folico , sono indispensabili e insostituibili : hanno però la caratteristica di essere facilemnte deteriorabili e soprattutto va considerato il fatto che il nostro organismo non è in grado di immagazzinarne grandi quantità da utilizzare nei vari momenti come riserva.
Se ne deduce quindi che l’assunzione deve essere costante e giornaliera e soprattutto ben distribuita .
Per il notevole apporto di vitamine e soprattutto di ferro, zinco e magnesio sono da preferire le verdure fresche gialle, rosse e a foglie verdi, ma anche frutta , in particolare , per quest’ultima, banane , albicocche e ciliege.

L’ acido folico , nella gravidanza, è importantissimo in quanto indispensabile per la formazione delle cellule ematiche e lo sviluppo del sistema nervoso del feto, ed è importantissimo nelle prime 12 settimane.
Disponibile nei cereali, nel pane e nella frutta è consigliato integrarlo sotto forma di compresse : gli studi dimostrano che c’è una drastica riduzione del rischio di difetti al tubo neurale per quelle donne che ne assumono in quantità sufficiente, soprattutto anche qualche mese prima del concepimento.

Discorso a parte merita l’assunzione equilibrata di minerali come il ferro e il calcio.

Il ferro è indispensabile per produrre l’emoglobina e quindi necessita di essere assunto non solo in quantità giornaliere adeguate ma soprattutto in modo costante.
Il feto lo assorbe molto velocemente e quindi occorre sostanzialmente assumerlo in ragionevoli quantità , ma, e qui occorre ricordarlo, l’assunzione di troppo ferro può determinare il blocco dell’assorbimento dello zinco che è essenziale per lo sviluppo del cervello e del sistema nervoso del bambino , per cui l’assunzione di ferro dovrà sempre essere accompagnato da quella  equilibrata  di zinco.

Il calcio presuppone il suo apporto fondamentale alla costituzione della struttura scheletrica del feto, che  avviene tra la quarta e la sesta settimana, ed è per questa ragione che la sua assunzione dovrebbe iniziare già qualche mese prima del concepimento .
Fondamentalmente il calcio si trova nei latticini e nei formaggi : in particolare i formaggi sono ideali in quanto contengono abbastanza vitamina D che facilita l’assorbimento del calcio.
Utilissima anche l’integrazione con broccoli, soia e i pesci come le sardine : altrimenti è utile fare ricorso a qualche integratore.

Questo rapido sguardo alle necessità nutrizionali durante la gravidanza ci fa ben capire che la dieta da seguire deve essere necessariamente ricca e di qualità priviliegiando proteine, vitamine e sali .

Potresti leggere anche :

    Alimentazione: sfatiamo i luoghi comuni Alimentazione: sfatiamo i luoghi comuni
    Alimentazione sana. Uno dei baluardi per vivere bene e combattere il rischio di malattie. Ma quali sono i luoghi comuni che non si riesce a sgretolare quando si parla di tavola? Eccone alcuni... 
    Alimentazione: il ruolo delle vitamine Alimentazione: il ruolo delle vitamine
    Le vitamine sono composti organici con struttura molto diversa tra di loro. L’appartenenza al gruppo non è infatti dettata da una struttura chimica simile, bensì dalla comune funzione... 
    Alimentazione materna: dieta ricca e variegata Alimentazione materna: dieta ricca e variegata
    La composizione del latte umano è più variabile di quanto si creda, e la dieta è il principale fattore che ne determina i costituenti, sia come qualità che come quantità. Nella donna che... 
    In gravidanza salumi e carne cruda , evitiamoli In gravidanza salumi e carne cruda , evitiamoli
    Abbiamo parlato di corretta alimentazione e di dieta estrememente equilibrata per la donna incinta : l’altro aspetto da conoscere è quello dei cibi da evitare, vuoi per una ragione vuoi... 
    La dieta in gravidanza , errori da non fare La dieta in gravidanza , errori da non fare
    Nella gravidanza uno dei primi pensieri va all’alimentazione e alla dieta da seguire. “Mangiare per due” è il consiglio che parenti e amici offrono a profusione confondendo... 

Copyright © 2010 Donna pratica · Tutti i diritti riservati · Un idea DonnaPratica